Iscriviti alla Newsletter:


Ultimi Posts da Daniela Zepponi


Regali che non piacciono: che fare?

Natale è appena passato: siete sopravvissute, carissime mamme?

In questi giorni post natalizi, facciamo un piccolo bilancio sui regali ricevuti da noi o dalla nostra famiglia: che gentili le persone che hanno pensato a noi! Eppure spesso ci ritroviamo con regali doppi, non adatti a noi o ai nostri figli o oggettivamente brutti. Ma brutti brutti, che verrebbe voglia di ricambiare il gentile donatore con una visita dell’oculista.

Insomma, quale che sia il motivo, eccovi in possesso di oggetti che non desiderate: come reagite? Ecco le opzioni possibili.

Li chiudete nell’armadio: e così fate pace con i sensi di colpa che vi verrebbero a buttare o vendere un oggetto di cui non sapete che farvene, che forse i donatori hanno riciclato da un sacco di robaccia che avevano dentro casa. E così avrete ottimo materiale per il decluttering di cui ogni tanto vi parliamo!

Lo vendete: e già, se l’oggetto ha un qualche valore, perché non rivenderlo su siti come Subito? Non sentitevi in colpa: forse la bambola di porcellana regalata all’amica che odia le bambole, in questo momento forse è in già saldamente inserita in uno di questi siti.

Lo scambiate: sapevate che esistono degli utilissimi gruppi su Facebook che si intitolano “Te lo regalo se vieni a prendertelo?” In genere sono divisi per Regione o Provincia, e ospitano tante persone che, per evitare di buttare via oggetti ancora utili, o perché non hanno voglia di venderli, li regalano a chi farà i chilometri necessari per andare a prenderli a casa loro.

Lo regalate: perché chiudere dentro l’armadio un oggetto che potrebbe essere utile a qualcuno? Si tratta di qualcosa di utilizzabile, o magari di abbigliamento, potreste contattare la Caritas per donarlo, o magari se invece si tratta di piccoli oggetti o altro, donarlo alle varie pesche di beneficenza che si fanno in tutti i quartieri.

Insomma: siete proprio sicure che chiudere quell’oggetto nell’armadio sia la soluzione migliore?

 


4 stupendi lavoretti montessoriani di Natale !

Tutti sappiamo che lo stile educativo Montessori è in grado di stimolare la creatività nei bambini, attraverso l’uso di pochi oggetti, spesso di riciclo.

E allora che ne pensate, complici il fine settimana e i prossimi giorni di vacanze, di realizzare qualche delizioso lavoretto montessoriani? Eccone alcuni davvero belli e interessanti che abbiamo trovato in rete. In questo modo divertimento e sviluppo del bambino andranno di pari passo!

Pigne glitterate

Occorrente: pigne, vinavil, glitter del colore preferito.

pigne-glitterate

Spolverate bene le pigne dai residui esterni, poi con l’aiuto di un pennello, posate il vinavil sulle parti esterne. Fate poi versare dai piccoli il glitter sulla colla e lasciate riposare: vi ritroverete con dei deliziosi segnaposto perfetti per la cena della vigilia o il pranzo di Natale.

 Albero in Feltro colorato

montessori2

Occorrente: feltro di sette colori diversi, colla a caldo, tappi di sughero.

Disegnate tanti cerchi di dimensioni diverse sui fogli di feltro, poi fateli ritagliare ai bambini. Con l’aiuto di una pistola con colla a caldo, incollate le diverse sagome dalla più grande alla più piccola. Sistemate alla base mezzo tappo di sughero: completate con una stellina gialla e un filo per appenderlo all’albero!

Renne

montessori3

Occorrente: fogli bianchi, colori a tempera, carta da ritagliare.

La digitopittura, da fare coi piccoli, è deliziosa per due motivi: da una parte i bambini si sentono subito artisti, dall’altra restano impresse sui fogli le forme delle loro manine e dei loro piedini…e ce li ricorderemo così per sempre! Pitturate i piedini e fate fare la forma sul foglio, poi completate dando l’aspetto di una renna.

Cornice natalizia con puzzle

montessori 4

Occorrente: un pezzo di cartone, vinavil, vecchi pezzi di puzzle, pittura coprente, nastro per appendere

Avete presenti tutti i pezzi di puzzle che avete accumulati negli anni? Grazie a loro potrete realizzare questo semplice lavoro, prendendo una base di cartone, incollando lungo i bordi i pezzi di puzzle e infine colorando il tutto. Ecco un perfetto regalo a costo zero: e i bambini si saranno diverti da matti!

 

 

credit immagine: sito pourfamme


Arriva Santa Lucia: prepariamo i gustosi Lussekatter!

È in arrivo Santa Lucia! E come trascorrerete questa festa, care mamme? Noi vi suggeriamo di una deliziosa ricetta (leggermente rivisitata) per i dolcetti di Santa Lucia. Parliamo dei Lussekatter gli speciali dolcetti svedesi.


7 idee per regali low cost e fai da te

Natale si avvicina: e per evitare le corse del 23 dicembre, sarà il caso di iniziare a meditare sui regali da fare alle persone a cui teniamo…Ma se abbiamo un po’ di tempo libero e pochi soldi, possiamo approfittare per donare tanti oggetti fatti da noi!

Il web pullula letteralmente di idee da realizzare con facilità e di tutorial che mostrano come fare i differenti oggetti: e poi volete mettere la vostra soddisfazione e il piacere di regalare un oggetto preparato con le vostre mani?

Ecco allora 7 spunti per idee regalo davvero low cost!


Calendari dell’Avvento: tante idee facili e stupende!

Il Natale è dietro l’angolo, vero care mamme che amate il caffè? Manca ormai meno di un mese! E allora perché non realizzare insieme ai nostri bambini un delizioso Calendario dell’Avvento?


Porte delle fate: regaliamoci un pizzico di magia!

Avete mai sentito parlare delle Fairy Doors? Sono le Porte delle Fate: deliziose, piccole porticine che compaiono nelle case per la gioia dei bambini. Ovviamente (e purtroppo) noi sappiamo che le fate non esistono: ma per i bambini si tratta di una scoperta emozionante!

È un modo simpatico per decorare la loro cameretta o una stanza della casa con l’avvicinarsi del Natale: ma non solo. Infatti le Porte delle Fate vengono usate anche come supporto se i piccoli stanno affrontando un momento difficile.


“Trappole” dei supermercati: e voi le conoscete?

La storia si ripete uguale per tutti: abbiamo finito il pane, andiamo al volo al supermercato e invece che con una sola cosa ne usciamo con il carrello colmo oggetti. Che per carità useremo anche, ma che spesso non sappiamo neanche perché sono stati acquistati. Come è possibile?


5 modi geniali per usare il sale in casa

Care mamme che amate il caffè, sapevate di poter usare il sale in casa non solo per la cucina? Infatti questo cristallo che da tempo immemorabile fa parte della nostra dieta, può essere l’arma segreta per risolvere tutta una serie di problemi domestici. Andiamo a scoprire insieme quali sono.


Caffè: come risparmiare fino a 500 euro all’anno!

Il caffè spesso ci dà la forza per affrontare anche le nostre impegnative giornate da mamme: e come faremmo senza?

È un piccolo “vizio”, un piccolo regalo che ci facciamo ogni giorno: ed è assolutamente meritato! Ma come non tutti i caffè sono uguali, anche i costi sono diversi tra di loro. Abbiamo allora deciso di fare un piccolo confronto tra diverse tipologie di caffè famosi: per vedere se è possibile risparmiare senza negarsi un piacere indispensabile.

Facciamo allora l’esempio di una famiglia con due adulti che prendono in tutto 4 caffè al giorno, ovvero 1460 caffè all’anno: il minimo sindacale! E poi scopriamo le differenze di prezzi.

Nespresso: tutti conosciamo il caffè preferito da “Mister What Else” e in molte lo usiamo. Le capsule originali possono arrivare a costare fino a 43 centesimi e devono essere spedite, perché non le boutique in giro per l’Italia sono abbastanza rare. Se moltiplichiamo 1460 caffè per 43 centesimi, abbiamo 627,8 euro all’anno.

A Modo Mio: se ci spostiamo nel “Paradiso del caffè“, e scopriamo che una capsula costa fino a 40 centesimi. Questo significa che per svolazzare tra le nuvole con i nostri 1460 caffè abbiamo bisogno di circa 584 euro all’anno.

Capsule compatibili: sono la vera rivoluzione del mercato. Sono fatte in genere con miscele di marchi italiani e sono compatibili con le macchine Nespresso. Pescando ad esempio tra quelle della marca Barista Italiano, scopriamo che una capsula costa circa 26 centesimi: e rimoltiplicando per 1460 la differenza è sostanziale, perché parliamo di 380 euro all’anno.

Moka: c’è infine chi riscopre il gusto ricco e profumato della moka. Non solo c’è tutto un mondo di abitudini secolari, nel caricarla e metterla sul fuoco, ma si inquina di meno e si risparmia davvero tanto. Sempre una miscela di Barista Italiano, il Macinato Cremoso top espresso, fa sì che una tazzina costi 9 centesimi, cioè appena 131 euro all’anno.

E parliamo in ogni caso di ottimo caffè: e allora sapete quante cose ci possiamo fare con 500 euro che abbiamo risparmiato?? Noi un paio di idee le abbiamo già!


4 idee creative per riciclare le scatole dei cereali

Care mamme che amate il caffè: avete per caso a portata di mano una scatola di cereali vuota? Avete mai pensato che può essere riciclata in tanti modi diversi invece di finire nel cartone?

Grazie al sito Greenme.it, che è una vera e propria fucina di idee quando si tratta di riutilizzare quello che abbiamo già, vi vorremmo suggerire 4 idee creative per riciclare le scatole dei cereali, senza doverle fare a pezzi e buttarle via.