Iscriviti alla Newsletter:


Archivio per the ‘casa’ category


5 idee davvero carine per riciclare i jeans

State sistemando l’armadio e l’occhio vi è caduto di nuovo su quel vecchio jeans che non mettete più da una vita ma che ancora non vi decidete a regalare? Allora tiratelo fuori e trasformatelo! Ecco qualche idea davvero carina, presa dal web, che vi permette di riciclarli e usarla di nuovo.


Pulizia del forno? Usiamo limone, aceto e sale!

Le nostre case sono piene di elettrodomestici, vero care mamme? Ma pochi sono così fastidiosi da pulire come il forno. Spesso non abbiamo tempo, ci riduciamo a pulirlo raramente, e questo rende il lavoro ancora più ostico.

Certo in commercio ci sono tanti prodotti chimici: ma non sarebbe meglio avere la possibilità di pulirlo in maniera completamente naturale? E allora grazie al sito www.nonsprecare.it/ possiamo scoprire tanti modi intelligenti di sistemare il forno senza dover ricorrere a sostanze poco naturali.

Ecco allo le tecniche migliori.

1.Aceto per la pulizia del forno

Molto semplice da usare, l’aceto sgrassa e disinfetta all’ennesima potenza. È sufficiente scaldare dell’acqua in una pentola e poi versare l’aceto, nella quantità di circa un bicchiere. Ora mettete la pentola in forno a 100 gradi (non deve avere manici di plastica!) e fate agire l’aceto per circa 15 minuti. Togliete poi la pentola, fate raffreddare un po’ l’acqua e usatela per lavare l’interno del forno con l’aiuto di una spugna.

2.Limone per la pulizia del forno

Come l’aceto, anche il limone funziona da ottimo sgrassante. Per pulire un forno di medie dimensioni servono due limoni grandi, che vanno tagliati a metà e spremuti su tutta la superficie del forno. Ora sistemate i limoni spremuti in un tegame e accendete il forno a 180° gradi per 30 minuti. Trascorso questo tempo aprite la porta del forno e dopo che si è raffreddato sfregate le pareti cin acqua tiepida. Oltre alla pulizia vi lascerà un profumo assolutamente delizioso.

3.Bicarbonato e sale per la pulizia del forno

 

Se il vostro forno è davvero in pessime condizioni, non vi resta che usare l’arma segreta: bicarbonato e sale. Mescolate insieme due cucchiaini di sale e due di bicarbonato, aggiungete dell’acqua e poi con una spugna usate questo “scrub” per pulire il forno. Sciacquate bene: il risultato sarà assolutamente impeccabile!

 


6 modi per riciclare i calzini spaiati

Dopo la giornata dedicata ai calzini spaiati,  noi abbiamo pensato ad un articolo che presenta tante idee per il  loro riciclo: perché alzi la mano chi non ha in casa il classico cesto di calzini che aspettano mestamente il loro compagno, che probabilmente la lavatrice ha inghiottito.


Capodanno con i bambini: ecco il menu e i giochi da fare!

State organizzando la vostra serata di Capodanno e tra gli ospiti ci saranno molti bambini? Allora è giusto dedicare un pensiero anche a loro, non solo per quanto riguarda il menu, ma anche per quanto riguarda il divertimento: in fondo è festa per tutti! Ovviamente parliamo di bambini dai 2-3 anni in su, mentre quelli davvero piccoli avranno bisogno di una maggiore presenza da parte dei genitori. Guardiamo allora quali possono essere le cose che renderanno perfetto questo Capodanno con i piccoli.


Regali che non piacciono: che fare?

Natale è appena passato: siete sopravvissute, carissime mamme?

In questi giorni post natalizi, facciamo un piccolo bilancio sui regali ricevuti da noi o dalla nostra famiglia: che gentili le persone che hanno pensato a noi! Eppure spesso ci ritroviamo con regali doppi, non adatti a noi o ai nostri figli o oggettivamente brutti. Ma brutti brutti, che verrebbe voglia di ricambiare il gentile donatore con una visita dell’oculista.

Insomma, quale che sia il motivo, eccovi in possesso di oggetti che non desiderate: come reagite? Ecco le opzioni possibili.

Li chiudete nell’armadio: e così fate pace con i sensi di colpa che vi verrebbero a buttare o vendere un oggetto di cui non sapete che farvene, che forse i donatori hanno riciclato da un sacco di robaccia che avevano dentro casa. E così avrete ottimo materiale per il decluttering di cui ogni tanto vi parliamo!

Lo vendete: e già, se l’oggetto ha un qualche valore, perché non rivenderlo su siti come Subito? Non sentitevi in colpa: forse la bambola di porcellana regalata all’amica che odia le bambole, in questo momento forse è in già saldamente inserita in uno di questi siti.

Lo scambiate: sapevate che esistono degli utilissimi gruppi su Facebook che si intitolano “Te lo regalo se vieni a prendertelo?” In genere sono divisi per Regione o Provincia, e ospitano tante persone che, per evitare di buttare via oggetti ancora utili, o perché non hanno voglia di venderli, li regalano a chi farà i chilometri necessari per andare a prenderli a casa loro.

Lo regalate: perché chiudere dentro l’armadio un oggetto che potrebbe essere utile a qualcuno? Si tratta di qualcosa di utilizzabile, o magari di abbigliamento, potreste contattare la Caritas per donarlo, o magari se invece si tratta di piccoli oggetti o altro, donarlo alle varie pesche di beneficenza che si fanno in tutti i quartieri.

Insomma: siete proprio sicure che chiudere quell’oggetto nell’armadio sia la soluzione migliore?

 


7 idee per regali low cost e fai da te

Natale si avvicina: e per evitare le corse del 23 dicembre, sarà il caso di iniziare a meditare sui regali da fare alle persone a cui teniamo…Ma se abbiamo un po’ di tempo libero e pochi soldi, possiamo approfittare per donare tanti oggetti fatti da noi!

Il web pullula letteralmente di idee da realizzare con facilità e di tutorial che mostrano come fare i differenti oggetti: e poi volete mettere la vostra soddisfazione e il piacere di regalare un oggetto preparato con le vostre mani?

Ecco allora 7 spunti per idee regalo davvero low cost!


“Trappole” dei supermercati: e voi le conoscete?

La storia si ripete uguale per tutti: abbiamo finito il pane, andiamo al volo al supermercato e invece che con una sola cosa ne usciamo con il carrello colmo oggetti. Che per carità useremo anche, ma che spesso non sappiamo neanche perché sono stati acquistati. Come è possibile?


5 modi geniali per usare il sale in casa

Care mamme che amate il caffè, sapevate di poter usare il sale in casa non solo per la cucina? Infatti questo cristallo che da tempo immemorabile fa parte della nostra dieta, può essere l’arma segreta per risolvere tutta una serie di problemi domestici. Andiamo a scoprire insieme quali sono.


Caffè: come risparmiare fino a 500 euro all’anno!

Il caffè spesso ci dà la forza per affrontare anche le nostre impegnative giornate da mamme: e come faremmo senza?

È un piccolo “vizio”, un piccolo regalo che ci facciamo ogni giorno: ed è assolutamente meritato! Ma come non tutti i caffè sono uguali, anche i costi sono diversi tra di loro. Abbiamo allora deciso di fare un piccolo confronto tra diverse tipologie di caffè famosi: per vedere se è possibile risparmiare senza negarsi un piacere indispensabile.

Facciamo allora l’esempio di una famiglia con due adulti che prendono in tutto 4 caffè al giorno, ovvero 1460 caffè all’anno: il minimo sindacale! E poi scopriamo le differenze di prezzi.

Nespresso: tutti conosciamo il caffè preferito da “Mister What Else” e in molte lo usiamo. Le capsule originali possono arrivare a costare fino a 43 centesimi e devono essere spedite, perché non le boutique in giro per l’Italia sono abbastanza rare. Se moltiplichiamo 1460 caffè per 43 centesimi, abbiamo 627,8 euro all’anno.

A Modo Mio: se ci spostiamo nel “Paradiso del caffè“, e scopriamo che una capsula costa fino a 40 centesimi. Questo significa che per svolazzare tra le nuvole con i nostri 1460 caffè abbiamo bisogno di circa 584 euro all’anno.

Capsule compatibili: sono la vera rivoluzione del mercato. Sono fatte in genere con miscele di marchi italiani e sono compatibili con le macchine Nespresso. Pescando ad esempio tra quelle della marca Barista Italiano, scopriamo che una capsula costa circa 26 centesimi: e rimoltiplicando per 1460 la differenza è sostanziale, perché parliamo di 380 euro all’anno.

Moka: c’è infine chi riscopre il gusto ricco e profumato della moka. Non solo c’è tutto un mondo di abitudini secolari, nel caricarla e metterla sul fuoco, ma si inquina di meno e si risparmia davvero tanto. Sempre una miscela di Barista Italiano, il Macinato Cremoso top espresso, fa sì che una tazzina costi 9 centesimi, cioè appena 131 euro all’anno.

E parliamo in ogni caso di ottimo caffè: e allora sapete quante cose ci possiamo fare con 500 euro che abbiamo risparmiato?? Noi un paio di idee le abbiamo già!


4 idee creative per riciclare le scatole dei cereali

Care mamme che amate il caffè: avete per caso a portata di mano una scatola di cereali vuota? Avete mai pensato che può essere riciclata in tanti modi diversi invece di finire nel cartone?

Grazie al sito Greenme.it, che è una vera e propria fucina di idee quando si tratta di riutilizzare quello che abbiamo già, vi vorremmo suggerire 4 idee creative per riciclare le scatole dei cereali, senza doverle fare a pezzi e buttarle via.